Pizzo San Michele da Calvanico (Circuito ad anello per il Monte Mai)


Circuito da Calvanico a Pizzo San Michele passando dal Monte Faiostello, Monte Mai e Tuppo dell’Uovo

Durata: 1.20 h bivio CAI 116C; 2.20 h al Vetta Faiostello; 3 h Vetta Mai; 3.45 h Tuppo dell’Uovo; 5.45 h Pizzo San Michele; 6.20 h inizio strada asfaltata; 6.55 h fine sentiero (N.B. I tempi sono sempre orientativi e molto personali).

Distanza: 16 Km circa

Difficoltà: 4 su 5. Il sentiero è piuttosto stancante e presenta alcuni tratti, soprattutto dal Tuppo dell’Uovo a Pizzo San Michele, dove bisogna prestare molta attenzione.

Si consiglia di leggere la descrizione del sentiero muniti di cartina.

Il sentiero inizia da Calvanico, facilmente raggiungibile tramite il raccordo autostradale Sa-Av. Giunti a Calvanico si incontra una chiesa dinanzi a noi e la strada curva verso destra, quindi al bivio proseguire a sinistra in direzione “Castiglione dei Genovesi” e subito dopo svoltare a destra sulla SP24; si sale fino alla chiesa delle SS. Marie delle Grazie e si gira a sinistra in direzione Pizzo San Michele (a dx vi è la Comunità Montana Irno). Proseguendo lungo la strada, si incontra una roccia con il segnale di inizio del sentiero CAI 116A (poco più avanti vi è uno spiazzo per parcheggiare l’auto).

Il sentiero inizia immerso tra i castagneti, pochi metri più avanti e si incontra un fiumiciattolo dove bisogna proseguire diritto. Dopo circa 15 minuti vi è una breve deviazione per una cascata. Il sentiero prosegue in maniera piuttosto agevole ed è interamente segnato lungo tutto il percorso; ulteriori 30 min circa dalla deviazione per la cascata e si incrocia una piccola grotta indicata anche dal segnale CAI sulla roccia. Dopo circa 1.20 h dall’inizio del sentiero si giunge al bivio con il sentiero CAI 116C verso destra che sale in direzione del Monte Mai, il sentiero CAI 116A prosegue in direzione Tuppo dell’Uovo. Ci immettiamo quindi sul sentiero CAI 116C e qui la salita si fa piuttosto ripida, dopo circa 30 minuti dal bivio si incrocia una seconda grotta. Terminata la salita in circa 50 minuti è possibile girare a destra verso il Faiostello oppure svoltare a sinistra continuando sul CAI 116A verso il Monte Mai. Suggerisco una breve sosta dapprima verso la vetta del Faiostello (1564 m), segnata da una croce in ferro, dato che è possibile raggiungerla in meno di 15 minuti ed il panorama da lassù è veramente bello. Si torna quindi sul sentiero CAI 116A, stavolta in direzione del Monte Mai, dove ci aspetta una salita piuttosto ripida. Dopo 20 minuti in salita vi è il bivio con la vetta del Monte Mai verso destra (sul sentiero CAI 116) ed il Tuppo dell’Uovo a sinistra. In soli 5 minuti è possibile raggiungere la vetta del Monte Mai a 1607 m; qui è d’obbligo firmare il libro di vetta. Dalla vetta in sentiero continua verso il Varco Dell’Orso ma non fa parte di questo circuito. Dopo aver visto il bel panorama dalla vetta si può tornare sul sentiero CAI 116 per dirigerci verso il Tuppo dell’Uovo. Dopo circa 25 minuti si giunge al Varco della Teglia (1460 m), punto di incrocio con il sentiero CAI 116A; qui si prosegue in direzione Pizzo San Michele ed in 15 minuti, dopo una ripida salita, si giunge al Tuppo dell’Uovo. Da qui si procede sul sentiero CAI 116 in direzione Pizzo San Michele. Ci tengo a precisare che questo sentiero prevede alcuni discese alquanto ripide e scivolose (è consigliabile aiutarsi con le mani) e passaggi non troppo facili perciò è sconsigliato ai meno esperti; chi non volesse percorrere questo sentiero può tornare al Varco della Teglia e proseguire sul sentiero CAI 116A. In circa 2 ore, camminando per diversi tratti sulla cresta della montagna ed altri tratti nel bosco finalmente si giunge e Pizzo San Michele (1567 m) sede di un antico Santuario. Qui è possibile fare anche una sosta nel rifugio. Dal santuario si scende lungo un sentiero sterrato molto agevole fino a giungere, in circa 35 minuti, ad un secondo piccolo rifugio (Casone de Fazio) ed alla strada asfaltata. Lungo questo tratto in discesa suggerisco una sosta, in prossimità della croce in memoria di Vincenzo Viggiano, dove vi è un pianoro molto panoramico. Per raggiungere l’auto bisogna percorrere ulteriori 35 minuti sulla strada asfaltata.

Monte Mai