Monte di Mezzo (Il Canino) e Monte Catiello

Guida per Monte di Mezzo (Canino) e Monte Catiello

Durata: 2.00 h andata, 1.20 h ritorno (Tappe: 55 min Punto Panoramico, 1.30 h Vetta Monte di Mezzo, 2.00 h Vetta Monte Catiello)

Distanza:

Difficoltà: 4/5 su 5. Il sentiero non è stancante ma presenta tratti esposti ed alquanto pericolosi, e passaggi dove è indispensabile l’uso delle mani; prestare particolare attenzione.

L’itinerario si sviluppa sul Monte Faito ed inizia in prossimità del Piazzale della Cava, a pochi tornanti dal Santuario di San Michele (1278 m). Qui vi è un ampio spiazzo dove è possibile parcheggiare la propria auto, e parte il sentiero CAI 50 diretto al Monte Molare (Monte S.Michele). Per un breve tratto si proseguirà su questo sentiero, per poi staccarsi e continuare in direzione del Monte di Mezzo. Il sentiero inizia in discesa per poi risalire ed attraversare un belvedere protetto da tubi metallici; dopo circa 10 minuti si giunge alla suggestiva Sorgente Acqua Santa. Ulteriori 5 minuti e si giunge al bivio dove, separandoci dal sentiero CAI 50 che prosegue a destra in una curva a gomito, si prosegue diritto in direzione del Monte di Mezzo; l’inizio del nuovo sentiero è indicato da un cartello “Sentiero Pericoloso”. I primi 15 minuti sono nel bosco e non presentano alcun tratto difficoltoso, fino a giungere ad un nuovo cartello di pericolo; da qui bisogna prestare maggiore attenzione. Attraversati due tratti in discesa che richiedono l’aiuto delle mani, si prosegue fino ad aggirare uno spuntone roccioso e si giunge ad un bel punto panoramico indicato da un omino di pietra (45 minuti circa dall’inizio del sentiero). Dinanzi a noi vi è la vetta del Monte di Mezzo, leggermente sulla sinistra si vede il Monte Catiello. Da qui i segnali si perdono e consiglio di prendere punti di riferimento indispensabili per la discesa. In seguito verrà descritto il percorso  seguito durante la mia escursione (non essendoci un sentiero segnato, è possibile che a voi risultino più agevoli passaggi diversi da quelli da me seguiti). Dopo aver proseguito per un ulteriore breve tratto, si noterà alla nostra destra un varco tra le montagne, che bisogna raggiungere prestando sempre la massima attenzione. La risalita è  breve e si possono sfruttare i sentieri tracciati dagli animali. Giunti al varco panoramico, si gira a destra proseguendo in direzione della vetta del Monte di Mezzo, segnalata da un tronco secco (alla nostra sinistra vi il sentiero per il Monte Catiello). Il primo tratto è possibile farlo seguendo in direzione della vetta ed aiutandosi con le mani, in seguito suggerisco di aggirare alcuni passaggi piuttosto impervi (dopo il primo tratto in arrampicata si noterà un vero e proprio buco nella roccia, qui suggerisco di aggirare verso destra la parete piuttosto impervia e risalire a zig-zag). Prestando la dovuta attenzione, in circa 20 minuti, si giunge sulla vetta del Monte di Mezzo (1426 m). Dopo aver concluso la prima tappa dell’itinerario, si scende al precedente varco panoramico seguendo lo stesso sentiero appena percorso; da qui si continua in direzione del Monte Catiello. Aggirata la montagna per un breve tratto, ci si immette nel bosco; appena usciti si noterà un passaggio tra le rocce in verticale di pochi metri che è possibile fare prestando la massima attenzione. Risaliti lungo questo passaggio siamo a pochi metri dalla vetta del Monte Catiello (1326 m), segnalata da un omino di pietra. Per il ritorno, fare lo stesso sentiero appena percorso; non essendoci alcun segnale, suggerisco di prendere punti di riferimento durante l’andata.