Pizzo San Michele da Loc. Acqua Carpegna (Casone De Fazio)

Durata: 1.30 h andata; 1 h ritorno (circa) – Distanza: 8,5 km – Ascesa: 450 m

Da Calvanico, si prosegue lungo la strada Vicinale Pietrata del Mario Cesinali fino a giungere in Loc. Acqua Carpegna, in prossimità del Casone De Fazio. Qui vi è un ampio spazio dove parcheggiare l’auto (Indicazione per “Parcheggio di Carpegna” su Google Maps).

Siamo circa a metà del sentiero CAI  115, che parte da piazza Conforti di Capo Calvanico ed arriva a Pizzo San Michele. In prossimità del Casone de Fazio vi è una sorgente e le indicazioni del sentiero CAI 115, che in circa 1.30 h giunge a Pizzo S. Michele.

Il sentiero, ben indicato, prosegue verso sinistra e riprende la mulattiera che costituiva la via del pellegrinaggio al Santuario, lungo la pendice della Serrapiana e poi direttamente verso il monte. Lungo il sentiero si incrociano alcune Croci Votive utilizzate durante le cerimonie religiose, presso la prima di esse è l’incrocio col sentiero CAI 136 verso Pizzo del Capello e dal santuario dell’Incoronata di Torchiati. Si noterà inoltre la croce in memoria di Vincenzo Viggiano, dove vi è un pianoro molto panoramico. L’escursione inizia in terra battuta dapprima in castagneti, poi allo scoperto sino alla località Serrapiano, rientrando nel bosco fino a dei gradoni di pietra.

Dopo h 1,30 circa dall’Acqua Carpegna si raggiunge il Santuario di San Michele. Qui vi è un vano del santuario sempre aperto, comodo appoggio per le escursioni invernali. Da qui è possibile ammirare un bellissimo panorama su tutti i Picentini, gli Alburni e la Pianura di Salerno, Mercato San Severino e Avellino, i Lattari, il Vesuvio, il Partenio, il Matese.

Ultimo aggiornamento: Gennaio 2019.